Mozilla Hubs a scuola!

Due pomeriggi fa è stata inaugurata la mostra virtuale nella Galleria Pietro Guado in quel di Mozilla Hubs. Ebbene direte cosa ha a che fare con #eduCare4.0? Molto vi rispondiamo. La nostra entrata nella realtà virtuale ci ha permesso, oltre all’esplorazione, la possibilità di aprire nuovi canali in cui parlare e approfondire la netiquette. Dietro all’avatar vi è una persona, come, allo stesso modo diciamo, che dietro al monitor ci siamo noi. Fare questo sin da bambini concorre a introdurre la, ormai tanto reclamata, cittadinanza digitale che diventerà una delle competenze necessarie nei prossimi decenni.

Ma cosa è accaduto ieri? Come maestra di sostegno, insieme alle colleghe della classe, abbiamo compreso che quest’anno non ci sarebbero state feste e spettacoli di Natale in presenza. Sapevamo che sarebbe mancata la presenza dei genitori dal vivo per qualunque iniziativa avremmo avuto modo di realizzare. E questo ci dispiaceva. Ho condiviso con loro una possibilità differente mediata dal mio interesse per la realtà virtuale. Da qualche tempo, già dalla scorsa primavera, partecipai a webinar e studiai tutorial e incontri con Salahzar Stenvaag e con di tutti i prof di Edu3d, a cui va il mio grazie, riguardo ad altri mondi virtuali. Ho capito che potevo osare. Nelle vesti di maestra, con un occhio ogni volta rivolto all’inclusività, ho iniziato a stimolare nei bambini la curiosità di queste altre possibilità spiegando anche quella parte di educazione digitale che da tempo è parte del nostro progetto.

Mi sono ritrovata dunque a navigare in acque ai bambini e alle bambine già molto conosciute, per lo meno sotto forma di gioco. Le loro dita volteggiavano veloci sulla tastiera e sul mouse (ho imparato buoni trucchi da loro). Ma noi volevamo creare qualcosa di didattico da presentare ai genitori, alle altre maestre, persino alla Dirigente Scolastica. La scelta del mondo da utilizzare è caduta senza alcun dubbio su Mozilla Hubs. Per diversi motivi. Primo per la sicurezza (si entra su invito o attraverso un link e si può esplorare in sicurezza) e poi per la varietà degli ambienti che possono essere modificati e abbelliti con un programma a latere non così difficoltoso da utilizzare. E poi, da non sottovalutare, nulla da scaricare.

Nel giro di un mese abbiamo preparato il materiale unplugged, reso poi fotografie digitali, a loro volta diventate veri e propri quadri dentro lo spazio mostra. Il tutto realizzato durante le ore di Arte che hanno visto l’espandersi l’interesse nei confronti di alcuni autori. I bambini hanno rielaborato i quadri, con i suggerimenti della maestra, e li hanno trasformati e resi vicini alle emozioni che in quei momenti provavano alla loro vista. Abbiamo poi, a volte faticosamente, provato a posizionare le foto negli spazi espositivi predisposti (non è così semplice utilizzare i comandi per fare ciò ma ci abbiamo provato). Infine era un’inaugurazione di Natale dunque non poteva mancare l’ambientazione. Insieme ad essa anche la parte musicale che, non potendo essere svolta con il canto è stata ampliata attraverso la scoperta e l’utilizzo della “body percussion” grazie all’insegnante di Musica e posta all’interno dello spazio come semplice mp3 a forma di nota musicale. Quella è stata tutta realizzata dagli allievi della classe quinta della Scuola Primaria Pietro Guado di salice Terme dell’Istituto comprensivo di Rivanazzano Terme.

Com’è stato lavorare in questa modalità? Molto stimolante. Mi sono accorta che parlavamo lo stesso linguaggio ( <<Maestra sloggo e rientro che c’è lag>>) e, con grande sorpresa mi sono accorta di come , pur non essendo questo ambiente propriamente un gioco, ci ha permesso di imparare, tutti, in modo creativo e ludico.

E ieri com’è andata? Non vi dico come si sono divertite le maestre che ci vedevano lavorare da fuori. Sono entrate anche loro con il proprio avatar e via hanno iniziato a volare, a farsi i selfie…Normale, no?

Eppure sono sicura che da questo primo assaggio ne potrà nascere un’interesse e una voglia di sperimentare da non sottovalutare. E saremo pronte a intraprendere nuove sfide virtuali nella didattica.

Un grazie speciale a tutti i bambini e le bambine e alle colleghe che mi hanno supportata in questo.

Qui potete andare a visitare la galleria.

Cogliamo l’occasione per augurarvi un sereno Natale!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...